Aggregatore Risorse Aggregatore Risorse

Storia dei partiti e dei movimenti politici italiani

Programma

Senza prescindere da un confronto con il contesto europeo, il corso intende esaminare i processi di politicizzazione e le forme di organizzazione della politica attraverso la storia dei movimenti e dei partiti politici che si affacciarono sulla scena nelle tre diverse fasi della storia d’Italia: liberale, fascista, repubblicana.
Introdotto da una riflessione sulla fortuna e sulla crisi della storiografia in argomento e dalla definizione di alcune categorie ( forma-partito, culture politiche, famiglie politiche), il corso prenderà in esame la genesi e le evoluzioni del sistema politico italiano nell’Italia liberale e rifletterà sulla dinamica tra forze di sistema e forze antisistema, che condusse a adottare la “soluzione trasformista”. Verranno analizzati i modelli organizzativi, i programmi, i leader, i sistemi simbolici e rituali delle diverse famiglie politiche: liberale, repubblicana-radicale, socialista, cattolica.
Si considererà quindi la svolta determinata dal primo conflitto mondiale, che introdusse nell’epoca dei partiti di massa. Si richiamerà l’attenzione sulla nascita di due nuovi partiti, il Partito comunista e il Partito popolare. Abortito nel primo dopoguerra il tentativo di dar vita a una democrazia dei partiti, si aprirà la fase delI’Italia fascista. Verrà esaminato il percorso del fascismo da movimento a partito sotto il profilo organizzativo, programmatico e culturale, con attenzione particolare ai temi del “partito milizia” e della “ religione politica” . Al contempo si presterà attenzione alla ricomposizione dei partiti antifascisti in esilio, destinati a proporsi come attori nel periodo della Resistenza e della rinascita democratica del Paese.
L’ultima parte del corso sarà concentrata su partiti politici nell’Italia repubblicana, seguendo una periodizzazione storiograficamente consolidata, in rapporto alla formula di governo ( ciellenista, centrista, di centro sinistra, di solidarietà nazionale, di pentapartito). Verranno considerati sia i partiti di massa -DC, PCI, PSI- sia i partiti minori – PSDI, PLI, PRI, MSI e si avanzerà qualche riflessione sul sistema politico “bloccato”, almeno sino alla metà degli anni Settanta .
Qualche considerazione sarà infine dedicata alla crisi della cosiddetta Prima Repubblica, al dissolversi delle originali identità partitiche e alle trasformazioni organizzative, nonché all’emergere di nuovi soggetti politici.
Lungo tutto il corso verranno tenuti in conto anche i contributi dei movimenti femminili nella mutante relazione tra donne e politica.

 

La didattica si svolgerà sia attraverso lezioni frontali sia nella modalità di seminari con la partecipazione attiva degli studenti.
Gli studenti saranno tenuti a presentare ciascuno una relazione orale sulla base di una bibliografia messa a disposizione dalla docente. Ogni studente sceglierà inoltre di approfondire un argomento specifico in un paper da presentare almeno una settimana prima dell’esame, nel corso del quale si svolgerà un colloquio conclusivo.
Il voto d’esame sarà la risultante delle tre valutazioni.

 

Svolgimento

Il corso si svolgerà dal 26 ottobre 2016 al 26 gennaio 2017 e si terrà presso l'Aula 1-15 della Sede dello IUSS (Palazzo del Broletto, Piazza della Vittoria n. 15); le lezioni del 19 e 26 gennaio 2017 si terranno presso l’Aula 1-17.

Bibliografia

Maurizio Ridolfi, Storia dei partiti politici. L’Italia dal Risorgimento alla Repubblica, Bruno Mondadori, 2008 .

Esame


1° appello: 27 febbraio, ore 9.30, Aula 1-17;

2° appello: 14 marzo, ore 9.30, Aula 1-17.
 

Ambito : Scienze Sociali

Semestre: Semestre I

Anno Accademico: 2016-2017